Pagine

mercoledì 24 aprile 2019

Risparmiatori, nuovo fronte in arrivo con la Ue

Visualizza questa mail nel browser

Il Sole 24 Ore
Morning24 - Le storie da sapere per cominciare la giornata

di Alberto Magnani

25 aprile 2019

TENSIONI CON BRUXELLES

Risparmiatori, nuovo fronte in arrivo con la Ue

Il vicepremier e ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio (Ansa)

Il vicepremier e ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio (Ansa)

Nuova puntata in arrivo per le trattative tra il governo e la Commissione europea sul fondo risparmiatori. Nella riunione del Consiglio dei ministri di martedì notte l’esecutivo ha stabilito l'impianto delle regole per gli indennizzi concordato con Bruxelles. La logica è quella di «un doppio binario» che riserva i rimborsi automatici alle persone fisiche che hanno dichiarato nel 2018 un reddito Irpef fino a 35mila euro o godono di un patrimonio in depositi e titoli fino a un massimo di 100mila euro.

È su quest’ultimo parametro, però, che sta per aprirsi l’ennesimo fronte con le istituzioni comunitarie. Il governo vuole cheil tetto sia «elevabile a 200mila euro,subordinatamente all'approvazione della Commissione Europea». Il tentativo, a quanto pare spinto dai Cinque stelle, è di allargare la strada dei rimborsi automatici. Ma deve passare per il via libera del braccio esecutivo della Ue: un sì tutt’altro che scontato, visti vari strappi già concessi da Bruxelles al governo gialloverde.

Per saperne di più:
1) Risparmiatori, rimborso a doppio binario

2) Rimborsi, tutti i dubbi dei risparmiatori

TOP NEWS!

Sette storie da sapere

1) Salvini, il dietrofront sugli irregolari e le tensioni nel governo

Matteo Salvini durante la convention laziale della Lega a Roma (Ansa)

Matteo Salvini durante la convention laziale della Lega a Roma (Ansa)

Quanti sono gli stranieri irregolari in Italia? Non più di 90mila. Lo ha dichiarato Matteo Salvini, rispondendo alle polemiche di Luigi Di Maio sulla presenza di 600mila irregolari nel nostro paese e sull’inefficenza della politica di rimpatri attuata dal governo. Una steccata mal digerita dal leader leghista, costretto a contraddire le sue stesse proiezioni. In effetti il dietrofront di Salvini smentisce la stima di 500mila irregolari contenuta nel «Contratto del cambiamento», vergato proprio dal segretario del Carroccio insieme ai partner di governo.

Lo scontro sulla sicurezza è solo uno dei tanti dossier che dividono il governo gialloverde, reduce da unConsiglio dei ministri ad altissima tensione“grazie” alla discordia sul cosiddetto decreto salva-Roma. Manuela Perrone scrive che la resa dei conti si consumerà dopo il 26 maggio, la data delle elezioni europee. Fino ad allora le polemiche sono legittimate per calcolo politico. Dopo sarà il caso di tirare le somme sulla stabilità di un governo sempre più lacerato da tensioni interne.

2) Rcs-Blackstone, primo round a Urbano Cairo

Il presidente e Ad di Rcs Urbano Cairo (Ansa)

Il presidente e Ad di Rcs Urbano Cairo (Ansa)

Urbano Cairo esce vincente, a New York, nel suo primo round contro Blackstone. Il giudice della Corte Suprema statale Saliann Scarpulla ha deciso di sospendere il caso a Manhattan per lasciar campo al procedimento arbitrale in corso in Italia. «Siamo molto soddisfatti della attenta decisione del giudice - ha detto Michael Carlinsky, legale che ha presentato il caso per Rcs e lo stesso Cairo - Permetterà all'arbitrato di andare avanti».

Lo scontro tra Urbano Cairo (proprietario del Corriere della Sera e La7, nonché patron del Torino Calcio) e il colosso americano Blackstone ha origine sei anni fa, quando Blackstone comprò dal gruppo Rcs la storica sede di Milano della casa editrice. L'anno scorso Cairo ha contestato la vendita e chiesto l'annullamento, proprio quando gli americani stavano rivendendo l'immobile alla tedesca Allianz.

3) Benzina, in autostrada il prezzo vola oltre 2 euro

Erogatori di carburante di un distributore a Milano (Ansa)

Erogatori di carburante di un distributore a Milano (Ansa)

Il copione si ripete. Arrivano le ferie e il caro benzina si riaffaccia sul portafogli degli automobilisti: in autostrada il prezzo vola oltre i 2 euro, con uno scarto netto rispetto alla rete ordinaria. Il ritocco dei prezzi di benzina e gasolio, racconta Cristina Casadei, non è tanto imputabile al costo industriale del prodotto (in linea con il resto d'Europa), quanto a una serie di fattori esterni: tensioni internazionali, aumento del prezzo del petrolio, fermate della produzione per manutenzione di alcune raffinerie e, infine, una specialità italiana (accise e Iva).

4) Boeing, il caso 737 Max costa (almeno) un miliardo

Lo stabilimento della Boeing (Afp)

Lo stabilimento della Boeing (Afp)

La crisi del 737 Max, il jet lasciato a terra dopol’incidente da 157 vittime in Etiopia, costa caro a Boeing. Il colosso statunitense stima che dovrà spendere almeno un miliardo di europer far decollare di nuovo il velivolo, sospendendo la guidance del 2019 per l’incapacità di prevedere le spese effettive dell’operazione.

«Le nuove guidance - scrive la società in una nota - saranno fornite in una data futura». Gli azionisti dovranno pazientare, mentre i conti del primo trimestre mostrano già le prime conseguenze in bilancio: nei primi tre mesi dell’anno in corso l'utile netto è sceso a 2,15 miliardi (3,75 dollari ad azione) rispetto ai 2,48 miliardi (4,15 dollari ad azione) dello stesso trimestre 2018.

5) EssiLux, il Cda invita a votare contro l’allargamento del Board

La sede di Luxottica Group (Ansa)

La sede di Luxottica Group (Ansa)

Il Cda di EssilorLuxottica, il gruppo italo-francese dell’occhialeria nato dalla fusione dei due colossi Essilor e Luxottica, ha invitato gli azionisti a votare «contro tutte le deliberazioni proposte che, se approvate, costituirebbero una chiara violazione dell'Accordo di Combinazione e metterebbero a rischio le
regolari attività del Consiglio». Il Cda si riferisce alle proposte, avanzate da alcuni fondi e dall’associazione di dipendenti Valoptec, di allargare il perimetro del board. La governance del gruppo è scossa da tensioni fra le sue due anime societarie.

6) Scuola, arriva l’accordo governo-sindacati

Rappresentanti dei sindacati della scuola nel cortile di palazzo Chigi (Ansa)

Rappresentanti dei sindacati della scuola nel cortile di palazzo Chigi (Ansa)

Arriva l’intesa tra governo e sindacati sulla scuola. L'intesa prevede una nuova stagione concorsuale da 66mila cattedre, una «corsia preferenziale» per stabilizzare i precari (a partire da chi ha più di tre anni di servizio alle spalle) e l'impegno a raccogliere maggiori risorse per il rinnovo contrattuale, oltre agli 1,7 miliardi di euro stanziati per l'intero comparto pubblico dalla manovra 2019.

7) Il 25 aprile, le polemiche e una storia da ricordare

Un momento della fiaccolata a Torino in occasione della festa del 25 aprile (Ansa)

Un momento della fiaccolata a Torino in occasione della festa del 25 aprile (Ansa)

Buon 25 aprile! Oggi sono previsti in tutta Italia cortei e iniziative per l’anniversario della Liberazione dal Nazifascismo. Fra le piazze più calde ci sarà Milano, la città che consacrò la vittoria delle truppe partigiane contro la Repubblica sociale di Salò e gli occupanti nazisti. L’appuntamento trascina con sé un nuovo capitolo di polemiche politiche, a partire dall’assenza del vicepremier Salvini. Andrea Finotto racconta invece la pagina di storia della Brigata ebraica, domani presente in piazza Duomo, e del suo contributo alla Resistenza. Da leggere.

VIDEO DEL GIORNO

Benzina, nuovi rialzi per il maxi-ponte

CARBURANTI

Benzina e diesel, nuovi rialzi per il maxi-ponte

I più letti

1.

Scuola, ecco l’accordo Governo-sindacati: aumenti degli stipendi e maxi sanatoria per i precari storici

2.

Dal condono per le multe agli incentivi alle imprese: ecco il decreto crescita

3.

Alta tensione nel governo, sul salva-Roma vince la Lega. L’ira di Conte

4.

Al Nasdaq il titolo del secolo non molla, +55.000% dal 2000

5.

Scuola, accordo Governo-sindacati: arriva l’aumento di stipendio

L'informazione sempre con te, dal lunedì alla domenica. Scopri l'offerta

Daily24 è la nuova newsletter che sostituisce 7:24 con tre diversi appuntamenti:

Morning24, dal martedì al sabato, a cura di Marco Alfieri
Europa24, tutte le domeniche, a cura di Alberto Magnani
Sette24, al lunedì, sarà l'agenda della settimana, a cura di Alberto Magnani

Disiscriviti  |  Newsletter  |  Contatti  |  Privacy Policy  |  Informativa sui Cookie

Facebook Twitter Google+ Instagram Feed RSS

Sei attualmente iscritto con: squarenotizie@GMAIL.COM

Il Sole 24 ORE rispetta la tua privacy.
Per esercitare i tuoi diritti scrivi a: privacy@info.ilsole24ore.com

© Copyright Il Sole 24 Ore Tutti i diritti riservati

Ore 12 di Corriere.it

Sempre aggiornati sulle notizie di metá giornata
mercoledì 24 aprile
Conte sbotta con Salvini: "Matteo, non ti permettere". Il leghista contro Di Maio
Giovane imprenditrice trovata morta. Organizzava feste e matrimoni da favola
"Ti ricordi i carri armati a Lubiana?"La Jugoslavia spiegata da atleti e ballerini
Mughini: "La mia generazione mi ha lasciato solo"
Treno travolge auto: morta donna 62enne, ferito compagno
Rossella, la lotta in strada con la gang "Li ho affrontati come fossi sul ring"
Slot, lotto, gratta e vinci: gli italiani giocano tanto. E perdono sempre
Lola, la climber con la lesione spinale che ha scalato El Capitain con la sola forza delle braccia
The Voice of Italy, tutti in piedi per Giorgia che duetta con Morgan (ma sceglie Elettra)
Katelyn Ohashi finisce l’università e la sua ultima esibizione è strepitosa
Numero da giocoliere dell’attaccante: ecco come umilia il difensore
Il call center dei laureati con lode (che lavorano per 600 euro al mese)
Decreto crescita, dai rimborsi ai truffati delle banche agli sconti Imu: cosa cambierà
Quota 100? Lasciano solo in 128 mila E lo Stato risparmia 13,8 miliardi Concorso navigator, la carica dei 17 mila
Modello 730 e dichiarazione dei redditi: 10 cose da sapere per non fare più errori
Ricevi questa newsletter perché hai prestato il consenso a RCS MediaGroup S.p.A. sul sito www.corriere.it
Puoi gestire le tue iscrizioni accedendo al tuo profilo.
Ritieni interessante questa newsletter? Non perderti gli altri appuntamenti con l'informazione di Corriere della Sera. Scopri tutte le newsletter

martedì 23 aprile 2019

Governo, alta tensione sul Decreto crescita

Visualizza questa mail nel browser

Il Sole 24 Ore
Morning24 - Le storie da sapere per cominciare la giornata

di Alberto Magnani

24 aprile 2019

IL NODO DEL SALVA-ROMA

Governo, alta tensione sul Decreto crescita

Luigi Di Maio e Matteo Salvini (Ansa)

Luigi Di Maio e Matteo Salvini (Ansa)

Il cosiddetto Decreto crescita, approvato «salvo intese» lo scorso 4 aprile, è tornato ieri sul tavolo dei consiglio dei Ministri. Un argomento che apre l’ennesimo scontro in una maggioranza sempre più divisa, almeno formalmente, fra le due anime di Lega e Cinque stelle. Di per sé il decreto ha assunto le sembianze di un provvedimento omnibus, con politiche che vanno dai rimborsi per i risparmiatori Alitalia a soluzioni di sostegno alle imprese. Ma a spaccare l’esecutivo gialloverde, in questo caso, è soprattutto la norma nota come «Salva-Roma»: un provvedimento che sancisce la chiusura nel 2021 della struttura commissariale dedicata alla gestione di tutti i debiti accumulati dalla Capitale fino al 2008.

Il Movimento cinque stelle si schiera a favore del testo, sostenendo che non comporti oneri maggiori per lo Stato. Il partito di Di Maio sarebbe anche incline a un compromesso: la proposta è di includere la norma sul fardello debitorio della capitale, integrandola però con la possibilità per i grandi comuni di rinegoziare i tassi di interesse sui vecchi mutui. La Lega si mantiene ostile, lasciando trapelare una volta di più l’insofferenza per la prima cittadina pentastellata Virginia Raggi. Sullo sfondo dei dissapori su Roma resta un’altra partita di peso, quella sulle autonomie, dove i ruoli dei due partner di governo finiscono per invertirsi. In questo caso è la Lega ad accelerare sulle richieste di Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna per dare un segnale al proprio elettorato del Nord, mentre i Cinque stelle alzano una barriera in favore della «unità» del sistema Italia.

Talking points!
1) Salvini-Di Maio nel cul de sac che tiene in piedi il governo
2) Non solo salva-Roma, gli altri Comuni con la mina del debito

TOP NEWS

Cinque storie da sapere

1) Petrolio, la stretta sull’Iran fa volare l’oro nero...

La stretta di Trump sul petrolio fa impennare i prezzi dell’oro nero (Reuters)

La stretta di Trump sul petrolio fa impennare i prezzi dell’oro nero (Reuters)

La stretta dell'amministrazione di Donald Trump sulle esportazioni di greggio dell'Iran sta facendo impennare i prezzi del petrolio, arrivati ieri ai massimi da sei mesi. Nella mattinata del 23 aprile l’indice Wti è arrivato a scambi per 65,84 dollari (rialzo di 29 centesimi) mentre il petrolio Brent è passato di mano a 74,28 dollari (+24 centesimi). La Casa Bianca ha deciso di porre fine dal prossimo 2 maggio alla deroga concessa a otto paesi che ancora importano il greggio iraniano: la stessa Italia, Cina, Turchia, India, Giappone, Corea del Sud, Taiwan e Grecia. Gli Usa minacciano sanzioninei confronti di chi viola il diktat, perseguendo l’obiettivo implicito alla stretta: azzerare una fonte vitale di risorse economiche per Teheran, considerato come il nemico principale di Washington nel Medio Oriente.

2)...e impennare (anche) lo spread

Mercati, reazioni turbolente alla fiammata del petrolio (Ap)

Mercati, reazioni turbolente alla fiammata del petrolio (Ap)

La fiammata del petrolio si sta facendo sentire anche su altro termometro vitale per la salute della nostra economia, lo spread. Il brusco rialzo dei prezzi dell’oro nerosta innescando un’ondata di vendite sul mercato obbligazionario, facendo risalire i rendimenti dei principali titoli di Stato. Come scrive Andrea Franceschi, il tasso dei Treasury a 10 anni è balzato a quota 2,6% nei giorni scorsi. Quello dei Bund tedeschi, sceso in negativo a fine marzo come non si verificava dal 2016, viaggia a quota 0,05 per cento. A risentirne sono anche i BTp italiani: il loro rendimento, sulla scadenza decennale, viaggia a quota 2,68 per cento.

3) Il debito pubblico italiano cresce al 132,2%

Il ministro del Tesoro, Giovanni Tria (Reuters)

Il ministro del Tesoro, Giovanni Tria (Reuters)

Nuova doccia fredda dell’Eurostat sulla contabilità italiana. L’agenzia di ricerca ha certificato ieri l'aumento del debito italiano,salito nel 2018 al 132,2% del Pil dal 131,4% del 2017 (meglio il deficit, sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017). Si tratta del secondo valore più elevato su scala Ue dopo quello greco (181,1%), mentre proprio Italia, Grecia e Cipro segnano un altro record negativo: sono gli unici tre paesi Ue che hanno visto il proprio disavanzo salire, mentre in Francia è rimasto invariato e nei restanti 24 paesi è diminuito in media di cinque punti rispetto al 2015.

4) L’identikit del navigator: laureato in legge e residente al Sud

Centro per l'impiego a Roma (Ansa)

Centro per l'impiego a Roma (Ansa)

Qual è il profilo degli aspiranti navigator, le «guide» dei beneficiari del reddito di cittadinanza? Un primo identikit emerge dalle oltre 16mila domande pervenute per i 3mila posti a disposizione nel ruolo. In termini geografici, il dominio sembra essere del Sud: a guidare la classifica regionale delle candidature è la Sicilia con 2.477 domande, seguita dalla Campania (2.475), e poi da Lazio (2.236), Puglia (2.004) e la Calabria (1.497). Fra i titoli di studio primeggia invece giurisprudenza, laurea conseguita da 5.781 candidati.

5) Fbi nella Ue, 10mila agenti e tassa su Google. Il manifesto di Weber

Manfred Weber e Jean-Claude Juncker (Reuters)

Manfred Weber e Jean-Claude Juncker (Reuters)

Almeno 10mila uomini in più sulla frontiera entro il 2022, una «Fbi europea» per intensificare la vigilanza sul terrorismo e una tassazione sul digitale per i colossi tech. Ma anche divieti alla plastica monouso, cinque milioni di posti di lavoro e sforbiciata agli eccessi burocratici. Sono alcunifra i 12 punti programmatici che Manfred Weber, lo spitzenkandidat del Partito popolare europeo al voto di maggio, ha annunciato ad Atene (Grecia) per il lancio ufficiale della sua candidatura. Weber dà il via così alla campagna elettorale per il voto del 23-26 maggio, tracciando la rotta dei Popolari in uno dei voti più delicati della loro storia. L’ambizione è di recuperare i voti che rischiano di slittare a destra, spingendo su sicurezza, fisco e sviluppo tecnologico.

«L’INFERNO ALL’IMPROVVISO»

Sri Lanka, rientrati i primi turisti italiani

Sri Lanka, rientrati primi turisti italiani: "L'inferno all'improvviso"

I più letti

1.

Il petrolio al top infiamma le Borse. A Piazza Affari (-0,27%) effetto cedole

2.

Fattura elettronica: le risposte ai dubbi su forfettari, bollo e integrazione

3.

Al Nasdaq il titolo del secolo non molla, +55.000% dal 2000

4.

Chi è Luca Morisi, il guru del web che ha postato la foto di Salvini con il mitra

5.

Riscatto laurea, ecco il calcolatore dell’Inps

L'informazione sempre con te, dal lunedì alla domenica. Scopri l'offerta

Daily24 è la nuova newsletter che sostituisce 7:24 con tre diversi appuntamenti:

Morning24, dal martedì al sabato, a cura di Marco Alfieri
Europa24, tutte le domeniche, a cura di Alberto Magnani
Sette24, al lunedì, sarà l'agenda della settimana, a cura di Alberto Magnani

Disiscriviti  |  Newsletter  |  Contatti  |  Privacy Policy  |  Informativa sui Cookie

Facebook Twitter Google+ Instagram Feed RSS

Sei attualmente iscritto con: squarenotizie@GMAIL.COM

Il Sole 24 ORE rispetta la tua privacy.
Per esercitare i tuoi diritti scrivi a: privacy@info.ilsole24ore.com

© Copyright Il Sole 24 Ore Tutti i diritti riservati